Generale

Il museo nasce nel 2012 allorquando il fondatore, da cui prende il nome, reperisce un idoneo locale in cui sistemare, finalmente,  in modo organizzato la propria collezione di fumetti del Topolino, fino ad allora conservata in modo non fruibile in altra città.

Nel 2014 costituisce l’associazione culturale “Museo Ivan Asprinio” con lo scopo di conservare, custodire e rendere disponibile agli appassionati, ai ricercatori e ai semplici curiosi il materiale oggetto dell’esposizione.   

Nelle due sale, denominate Mickey e Minnie, sono sistemate librerie e vetrine in cui trovano posto i fumetti e l’oggettistica collegata agli stessi.

La parte principale della raccolta è costituita dal fumetto “Topolino”, dal n. 1 del formato giornale del 31 dicembre 1932 al numero del formato libretto uscito nella settimana.

Trovano posto negli scaffali anche altre collane della Disney giunte al termine della loro pubblicazione, così come sono conservati i numeri 1 delle recenti linee di pubblicazione ideate dall’attuale editore, la PANINI di Modena.

Vi sono settori di materiale attinente e collegato; il filatelico con francobolli del mondo a tema Disney; quello delle ristampe avvenute in vari periodi e a cura di vari editori; il musicale con dischi in vinile, musicassette e cd tutti con musiche tratte dai film Disney; il settore video con VHS e CD originali della produzione cinematografica, d’intrattenimento domestico e televisivo; il saggistico con monografie a fumetti su argomenti vari e quello dei libri biografici  e su Walt Disney; quello estero con alcuni fumetti di altre nazioni.

Le vetrine della sala Mickey custodiscono molta oggettistica edita insieme al fumetto (i cosi detti GADGET)  o collegata a questo, come i club di Topolino e delle Giovani marmotte (con diplomi-medaglie-spille).

Vi è una intera sezione dedicata agli oggetti promozionali e pubblicitari; molte ditte hanno utilizzato i personaggi Disney per promuovere i loro prodotti (dalle caramelle per bambini, alla pasta con silhoutte dei personaggi di Topolino); una sezione interamente dedicata alle statuine francesi FEVES a tema filmografia Disney.

Sulle pareti e al soffitto di entrambe la sale  sono visibili, litografie, poster, disegni originali di autori vari, oggettistica collegata ai fumetti.

Una piccola parte della sala Mickey è dedicata ai fumetti italiani TEX , LUPO ALBERTO, STURMTRUPPEN.

Il museo è in continua evoluzione essendo una collezione “dinamica”, non fosse altro perchè si aggiungono periodicamente le nuove uscite delle testate conservate, ma anche perchè è molto numerosa e varia l’oggettistica edita negli anni passati.

 

L’esposizione, attualmente, non è aperta al pubblico in modo continuo e organizzato, lo è previo appuntamento, perchè è ancora una “bella passione” che, però,  paga lo scotto all’attività lavorativa del suo ideatore.  

Libro degli ospiti

    Lascia un commento

    Siamo spiacenti, non ci sono ancora valutazioni su questa struttura.

    Museo Ivan Asprinio


    Titolare/Fondatore

    Sezione del sito in fase di allestimento

    Video Youtube

    Spiacenti non ci sono video da mostrare per la struttura di interesse


    Informazioni

    Non sono presenti offerte o eventi in questo periodo. Contatta direttamente l'albergo per avere maggiori informazioni, Grazie.