Generale

Con la campagna militare del 1848 l’esercito sardo-piemontese e con quella del 1866 l’esercito del Regno d’Italia affrontarono il confinante impero austriaco, per espandere il territorio della nascente nazione italiana.

Conosciute come prima e terza guerra d’Indipendenza, le operazioni si svilupparono nell’entroterra gardesano su un terreno prevalentemente collinare e culminarono nelle due battaglie di Custoza, combattute nel luglio 1848 e il 24 giugno 1866. Nel 1877, quasi 2000 resti di soldati caduti in battaglia e precedentemente interrati in fosse comuni furono esumati e raccolti nell’ossario, progettato per divenire luogo di memoria patriottica e di culto laico, inaugurato il 24 giugno 1879.

Oltre alla cripta, che raccoglie le ossa dei soldati, il monumento ospita anche una cappella e un piccolo museo archeologico della battaglia, in cui sono esposti gli oggetti estratti dal terreno durante la riesumazione dei corpi.

Completano e integrano la visita le sale espositive allestite nell’ex casa del custode, coeva alla costruzione del monumento. I piccoli spazi avvolgono il visitatore consentendo, anche attraverso installazioni multimediali, una totale immersione nella storia raccontata.

Libro degli ospiti

    Lascia un commento

    Siamo spiacenti, non ci sono ancora valutazioni su questa struttura.

    Ossario di Custoza


    Titolare/Fondatore

    Sezione del sito in fase di allestimento

    Video Youtube

    Spiacenti non ci sono video da mostrare per la struttura di interesse


    Informazioni

    Non sono presenti offerte o eventi in questo periodo. Contatta direttamente l'albergo per avere maggiori informazioni, Grazie.